Monica Guerra – «Entro fuori le mura»

le idee come esuli in tempi di guardianima qui è sparare a raffica all’orizzonte tra le croci e le rose l’io superstiteentro le mura del cuore qualche mito utile sporadiche razioni di luce e del restonon vedere – poco importa – fuori è rovo di un altrove tu che mormoriil vuoto non esiste rampicando solitudineContinua a leggere “Monica Guerra – «Entro fuori le mura»”

Alessandro Canzian – «Il Condominio S.I.M.»

Non conosco la ragazzadi nome Olga, ma la penso.La pelle bianca come i capellidi mio padre, il seno grande– i tacchi ben calcatila sera alla mia porta -, poiieri notte l’ho sentita urlareappesa alle mani di qualcuno. * Carlo sono giorni chenon fa la doccia. Lo vedouscire dal portone con gli stessipantaloni, lo stesso odore,Continua a leggere “Alessandro Canzian – «Il Condominio S.I.M.»”

Elisa Nanini – «Cosa resta dei vetri»

Perderti ma non perderti Un sacchetto volato vianon è fuori posto su un albero.A volte pensare è scivolarenel tuo armadio disabitato,la meraviglia pienezza di senso:di non sola terra scrive la Terrail rumore dell’antasul cemento batte le ditae non puoi farne a meno.Perderti ma non perdertiè forma di ogni tettoqualcosa che assomiglia a una preghieragrigia diContinua a leggere “Elisa Nanini – «Cosa resta dei vetri»”

Marco Colonna – «Radici»

Albe Così attecchiscial cielo come pietravi si inciampanel cercare un segnoquando Luce si risvegliaed i pensieri cupi schiaranel saperti immobile presenzavita che resta oltre noiprima di noi in quel groviglio chealle radici di linfa sazia sottoterra. * Giorno Una fibbia di solea stringere i sogninel camminosulla pelle del cielomelanomi sguardi malatie nella strada sassiin dormivegliaContinua a leggere “Marco Colonna – «Radici»”

Angela Albonetti – «Cielo senza stelle – Luna su tela»

In memoria (di Claudio) Hai lasciato il tuo fiore della vitasulla scrivania,abbandonato con la carta e la pennadella tua storia.In silenzio hai aperto i vetri al giornoche da sulle collineed hai soffiato su di noi un alitodi illusione. Mi hai stretto la mano nel sognomentre te ne andavi camminando sulponte ultimotra la pianura laggiùe l’altezzaContinua a leggere “Angela Albonetti – «Cielo senza stelle – Luna su tela»”

Pietro Pancamo – «Manto di vita»

SomiglianzeA quest’oraogni paeseè un fagottodi stelle e di buio. Ma lo è purequesto cielo vagabondo(guscio d’aria e di respiri)che stringe in un solo mondocittà, mari e tempeste. Ma lo è purequesta via(intirizzita di pioggia)col suo buioincatenato ai lampionie un po’ di stelleche sussurrano al mio palazzola ninna nanna:Vedo tante finestrechiuse fra perimetri di sonno. AContinua a leggere “Pietro Pancamo – «Manto di vita»”

Alberto Barina – «Gli idoli sbagliati»

Dopopranzo d’infanziaTutto succedein un dopopranzo d’infanzia.Mi piaceva origliarela grafia minuta di mia madreil suo respiro, sarcofago di dea.Si giocava a predire il futurodalle forme allungate delle ombre,dalle altalene delle nuvole. Si contavano i sassidelle strade a cui anelavamo.La libertà che si espandevain certa immaginazione.Gli anfratti impensatinei quali ci si spartiva la paura. Emettevamo suoni primordialiiContinua a leggere “Alberto Barina – «Gli idoli sbagliati»”

Lavinia Alberti – «Incoerenze»

Naufragi Quei pensieri affogatinel maretra luccicanti bollee ignote conchigliesprofondaronodissoltiper un sadico gioco del destino.Nel buio e nel silenziosentivo più forteecheggiare il tuo nome:le stesse iniziali di mare,la stessa purezza salmastra.Era dolce il tuo toccosulle mie maniquando formavaintrecci di fiaba:non aveva spazio,quel giornoper dimenticare. * Notti gonfie Taciturne notti gonfie d’incensi,umidi passi e una mente fallacecamminavanoContinua a leggere “Lavinia Alberti – «Incoerenze»”

Maria Grazia Palazzo – «In punta di piedi»

ha forma di farfallain armatura coloratal’orizzonte nel pulviscolo atmosferico una minuscola crisalidesi staglia,sovraimpressione incompiuta, ieratica bellezza, forse una vela torna a germinare da una crepasegni-sogni-semi-epistèmi, vastità molecolari di sterminato bianco, nero, tracce di viaggioancora sfocato, ritorna in un azzurro invincibile a stare in luogo necessario, a stare anche nel pianto,rami di mistero, in un bacioContinua a leggere “Maria Grazia Palazzo – «In punta di piedi»”

Antonio Spagnuolo – «Ricami dalle frane»

Il gioco delle mele Quello che adesso stringi fra le coltriè soltanto il ricordo di follieche rincorresti al tempo delle mele:fantasmiche ti ripetono gesti allucinanti.Null’altro che illusioni aggrappate ad un sognorimasto indiscreto.Lo spazio che le dita riuscivano a comporresgualciva l’orlo dei quaderni segreti.Nel lampo che lo sguardo franava al passoe ricamava le fantasie dell’orizzontetu eriContinua a leggere “Antonio Spagnuolo – «Ricami dalle frane»”