Stefano Tarquini – Inediti

La stagione della caccia Penserò a te,avvolta in un timido vestito a fioriche ti copre le gambe,mentre passi un po’ di terra sulle guanceviola scuro sulle labbra. Mentre finisci il tuo Camparilasciando il rossetto sul bicchieree due gocce di pioggia sotto gli occhi grandi. Penserò a te,mentre un vortice di pensieri e parole mi scoppiaContinua a leggere “Stefano Tarquini – Inediti”

Matteo Piergigli – Inediti

Abbaiare di canidi macchine la nottearrampicata alla golacerco il verso giustoa dilatare la formadel ricordo tra le piegheil respiro del non detto. * L’intera mattina passeràlo spazio di un’estate.La notte scivolerà al ganciosenza sapore. Diventare fumoal vento. Si fatica al silenzio. * Galleggia sulla nebbiail rumore della nottenon s’arrende mentre caderintanato nei pensieriandati a male.Continua a leggere “Matteo Piergigli – Inediti”

Costantino Turchi – Un inedito

spero solo che le cose accelerinonoi non riusciamo alasciare la tela bianca intatta una cosa fragile mentre perde l’equilibrionon tira alcuna sorta di ventonella geometria della sua forma qui si sta in una quiete unicasenza niente in particolare da trovareci giriamo intorno per prendere nota in tutte le direzioni a raggerail mondo si sfalda davantiContinua a leggere “Costantino Turchi – Un inedito”

Valentina Cottini – Inediti

nazim hikmet, 1 vorrei saperti prenderele mani al modo giustoe ai miei polsi annodarela tua paura del maree far tesoro di portie spiagge vuote a febbraio ma io nodi non so farnearrivederci, marinaio * marzo  sei l’impronta delle cose belledi quelle che duranodi quelle che fuggonoil 24 dicembrequando hai sette annie credi ancora a tuttola notte di sanContinua a leggere “Valentina Cottini – Inediti”

Michele Paladino – Inediti

Gli uomini ormeggiano su una piattaforma di calce e sabbia,nei loro occhi scintilla la segatura:è l’inverno del sangue.Immolano i maiali,non prima di averli cacciati con le trombe,ne recidono le corde vocali.Bisogna fare in fretta; nuovo grano deve nascere,nuove spine dovranno gridare. * Fu un delirio parziale,una concezione chimericail sangue mielato sul dorso del letto:senza dubbio,Continua a leggere “Michele Paladino – Inediti”

Michela Zanarella – Inediti

La prima viola (a Camillo Sbarbaro) Cantano come allora nell’arsura delle stradecicale esposte al sole dell’estatee tu ti sorprendi che esistano ancora germogli fiumie frutti nati dal cuore della terra.Vedi anche la bambina solache canta sottovoce ai piedi degli alberie della sua lunga treccia si consola.Poi nel ricordo riannodi i volti conosciutiperché il vuoto intornoContinua a leggere “Michela Zanarella – Inediti”

Julian Zhara – «Bambino, altalena»

Bambino, altalenaLo scricchiolio dell’altalena che fissodal vetro d’ufficio, di foglie seccateaffogate in attesa del vento e sacchivuoti di biscotti e patate – ieri era festa.Nel parco c’è ancora un bambino da soloche scava la sabbia, la ruota non gira,sembra immobile il tutto, incantato – nell’ieri,di ieri soltanto lattine schiacciate di cocae avanzi, gli unici fischiContinua a leggere “Julian Zhara – «Bambino, altalena»”

Marco Vetrugno – Un inedito

“baratro infernale questo foglio,bianco d’un impossibile messaggio”Tommaso Landolfi “Il silenzio del foglio biancoè il mio luogo eterno”Delmore Schwartz Noia liquefattapresenza indecifrabilepresenza ferma nello stomaco indebolitoesaustosull’orlo una sola sensazioneun solo coloreinvade sono materia bianca. Inoculazioni di biancometamorfosi bianchesferzate di biancotrittici bianchibianche oscillazionibianco martirioneurologia biancabianco Ser.Tbianco nelle venenervi bianchipupille bianchecicatrici bianchesangue bianco il mio sangue è biancoContinua a leggere “Marco Vetrugno – Un inedito”

Lorenzo Mele – Inediti

Come bambole nel cementoscomposte e mai riesumate;noi – discepoli del desertodalle mille voci consumate. * Sto nello spacco dell’anguriainvecchiata nel freddo a morire. * Sfioriture e cornici sui muri;quadri senza volto appesicon i chiodimemoria impuri. Lorenzo Mele (Lecce, 1997), nasce in Germania e cresce in Italia. Suoi versi sono apparsi sulle maggiori riviste italiane eContinua a leggere “Lorenzo Mele – Inediti”

Eliza Macadan – Un inedito

Joyce ti sbattevala porta in faccia edettava al maritodi turno una terzinamentre la tua testasfumava scelta da Dioper fermare le pioggechimiche del secoloastroti assaliva il pruritoinsetti sciamantisciamani fili di sanguesbocciavanoall’angolo della boccauna verità nuova di zeccametteva la museruolaal poeta patriotaora le pallottole bucanogli schermi liquididel mio oblò Eliza Macadan (n. 1967) vive a Bucarest eContinua a leggere “Eliza Macadan – Un inedito”